Anno nuovo, trasporto ferroviario vecchio. Ora ci pensa l’Europa! Brinderemo?

trenitaliaVoglio dare a tutti voi il mio personale benvenuto nel nuovo anno; tutti insieme lo salutiamo con l’enorme speranza che sia finalmente l’anno buono, sotto tanti aspetti. Sarete d’accordo con me che queste mie parole sono un rito e nulla di più. Purtroppo il frastuono dei festeggiamenti non ci distoglie da quella che è la realtà.

E’ stato molto interessante leggere che la Commissione Europea si è espressa in merito al miglioramento dell’accesso ai viaggi ferroviari per le persone disabili. Direi addirittura affascinante tutto il ragionamento e le considerazioni fatte. Ancor di più perchè poco prima avevo letto di una disavventura personale, verificatasi il 3 gennaio; è proprio il caso di dire:“Ben arrivato nuovo anno!”.

Allora io partirei dal caso personale, così giusto per fare il punto della situazione di ciò che accade davvero con regolarità, nella quotidianità dei disabili.

A parlarne è Alessandria News, perchè il protagonista della vicenda è un loro collaboratore, Simone Labate, conosciuto dai lettori come l’esperto delle previsioni metereologiche.

Ecco a voi la sua storia. Continua a leggere

Non sappiamo far valere i nostri diritti! Un turista svedese lo fa per noi

Stazione ferroviaria di Calalzo, Belluno. Un turista svedese su quattro ruote non ci pensa due volte a far valere i Suoi diritti. La cosa che più colpisce è che in realtà sono anche i nostri diritti e noi restiamo inermi e lasciamo fare agli altri il lavoro più scomodo.

Cosa ha fatto? Attendeva come un comune passeggero sulla banchina di una stazione ferroviaria della nostra bella Italia; l’attesa è finita, il treno arriva. E’ qui che l’illusione e la immediata delusione hanno preso il sopravvento sull’ignaro turista.

In concreto il treno è subito risultato inaccessibile alla persona su quattro ruote e anche senza la possibilità di essere assistito da personale competente. Colui che doveva essere un passeggero come tanti ha subito preso una posizione ferma e decisa nei confronti di un disservizio, instaurando un acceso colloquio con il capotreno.

Purtroppo non è stato sufficiente a convincerLo a desistere dalla azione di protesta e ha raggiunto con la carrozzina la testa del convoglio, ha agganciato una maniglia del portellone di un vagone, e non l’ha più mollata. Tutto questo perchè l’operatore, avendo l’obbligo del rispetto degli orari, ha chiuso le porte del treno ed ha dato il via libera del treno in partenza, senza Lui a bordo. Continua a leggere