Autismo e vaccini: mamme e papà d’Italia che si prendono la rivincita!

Da sempre in Italia, genitori, mamme e papà vengono trattati quasi come pazzi visionari a denunciare che i figli nati sani sono diventati disabili per una strana correlazione tra vaccino e autismo. Non sono genitore, ma credo non sia semplice apprensione pensare che in un bambino così piccolo, tre, cinque e undici mesi, questo è il periodo nel quale occorre sottoporre i propri piccoli a vaccinazione, qualcosa sia andato storto. Finalmente, per la prima volta nel nostro Paese, questo modo di pensare si è davvero ribaltato.

Sentenza epocale che avrei preferito avesse una risonanza maggiore; è davvero importante per dare il giusto peso a chi dovrebbe avere le competenze per tutelare la nostra salute. La sentenza si è pronunciata così:”Nesso causale, tra l’iniezione del vaccino esavalente Infanrix Hexa Sk (prodotto dalla multinazionale Glaxo Smith Kline)  e l’autismo”. Si tratta del farmaco che le Asl italiane somministrano ai bimbi per l’adempimento dell’obbligo vaccinale. Sento già il brusio della gente:”Tutto qui?”. No, il Tribunale del lavoro di Milano, con un verdetto firmato dal Giudice Nicola di Leo, stabilisce un indennizzo non una-tantum, bensì un assegno bimestrale per tutta la vita. Riceverà quindi un importo che sarà calcolato a partire da una base di 1.683 euro, più un indennizzo una tantum.

Inizialmente si poteva parlare di ragionevole dubbio nelle persone coivolte, ma adesso, da oggi, grazie ad una reale sentenza, rappresenterà un precendente importante. Nella sentenza viene “acclarata la sussistenza del nesso causale tra tale vaccinazione e la malattia”.  E ancora dalla perizia del medico legale Alberto Tornatore, nominato dal Tribunale, risulta che è probabile, in misura certamente superiore al contrario che il disturbo autistico del piccolo sia stato causato, o almeno concausato, sulla base di un polimorfismo che lo ha reso suscettibile alla tossicità di uno o più ingredienti (o inquinanti) dal vaccino Infanrix Hexa Sk.Il perito fa notare anche il criterio cronologico, ovvero la stretta successione temporale tra la presenza della malattia e le iniezioni del vaccino. Scusate se riporto i tecnicismi ben esposti su Il Fatto Quotidiano, ma sono indispensabili a dimostrazione che le motivazioni non sono campate per aria. Nella sua relazione il perito sottolinea che il vaccino mostra una specifica idoneità lesiva per il disturbo autistico, la cui portata, teoricamente piccola se calcolata sui dati della sperimentazione clinica pre-autorizzazione, spiegherebbe solo il 2-5% dei casi di malattia, è in realtà sottostimata per l’esistenza, recentemente confermata dall’autorità sanitaria australiana, di lotti del vaccino contenenti un disinfettante a base di mercurio, oggi ufficialmente bandito per via della comprovata neurotossicità, in concentrazioni tali da eccedere largamente i livelli massimi raccomandati per lattanti del peso di pochi chili.

Questa sentenza riguarda il caso specifico di un bimbo che ora a 9 anni, il cui autismo è stato diagnosticato nel 2010, dopo aver ricevuto il vaccino nel 2006. Prima di rivolgersi al giudice, la famiglia del bambino aveva presentato nel 2011 una domanda di indennizzo al Ministero, che però era stata respinta. Da qui la decisione di intentare la causa.

L’avvocato del bimbo, Alessandra Genovesi, precisa che l’esito favorevole della sentenza è dipeso anche dalla propensione del Giudice alla ricerca della verità e da un qualificato contraddittorio tra il perito nominato dal Tribunale ed il perito di parte Gabriella Lesmo. Questi sono i giudici che vogliamo, precisi, meticolosi, scrupolosi, pronti a dare risposte concrete a cause dallo spessore davvero elevato, perchè al centro c’è la vita umana.

Scusate la mia malafede, ma mi auguro che il non dare la giusta risonanza a questa sentenza non sia direttamente proporzionale al fatto che in tanti potrebbero avvalersene. Per il nostro Ministero è facile e veloce fare due conti e vedere che i casi potrebbero davvero essere tanti e ciò significherebbe dovere dare diversi assegni a vita. Se l’atteggiamento fosse questo io la definirei condotta immorale. Chi sbaglia deve pagare, perchè chi è remunerato per mettere in pratica le sue competenze sugli altri deve risponderne totalmente, perchè parliamo di esseri umani, in questo specifico caso bambini, esseri viventi non bambole.

Su ilfattoquotidiano.it trovate anche  la replica del Presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi:“Per ogni euro speso in vaccini, se ne risparmiano 24 in farmaci. Non si dica, quindi, che i vaccini servono alle aziende farmaceutiche per fare profitto, questi prodotti sono sicuri e vanno utilizzati. Queste continue denigrazioni fanno sì che si crei sfiducia e panico nei confronti di qualcosa che è molto importante e che salva tante vite. Quando si parla di scienza bisogna far parlare gli scienziati. E gli scienziati dicono che su milioni di vaccinazioni non c’è un’incidenza preoccupante di autismo”.

Dopo queste spiegazioni credo sia lecito informare il Paese che alcuni lotti del farmaco in questione erano già stati ritirati nel 2012 in 19 paesi, per il rischio di contaminazione batterica pericolosa e ovviamente nell’elenco l’Italia non c’era e non vi è stata alcuna comunicazione a titolo informativo. Eppure già allora un farmacologo Roberto Gava aveva sollevato la questione denunciando il maxi ritiro del farmaco. Il Ministero della Salute aveva così replicato: “I lotti non sono commercializzati da noi”, mentre secondo l’azienda produttrice del farmaco il ritiro era stato puramente “precauzionale”.

Insomma i presunti legami tra vaccino e autismo sono da anni al centro di un ampio dibattito internazionale, suscitando sempre accese polemiche. Ci sono altre denunce sul territorio: a marzo la Procura di Trani ha avviato una indagine conoscitiva dopo la denuncia dei genitori di due bambini ai quali è stata diagnosticata, dai medici, una sindrome autististica che come riportato nelle denunce potrebbe essere stata causata proprio dai vaccini. Poi c’è il caso del vaccino anti meningite, infatti pochi giorni fa una sessantina di famiglie hanno fatto causa dopo che sono state trovate tracce di ossido di ferro nel farmaco Meningitec, prodotto da Neuron Biotech. Anche in questo caso, la formula è sempre la stessa: un ritiro solo “precauzionale”.

Io credo che nessuno voglia eliminare i vaccini per creare delle epidemie, ma qui si chiede di occuparsi meglio di questi vaccini chiamati tali proprio per tutelare la salute; invece poi si rischia di scoprire che la danneggiano ulteriormente ovvero, probabilmente una volta vaccinati non ci viene la malattia per il quale sono stati somministrati, ma come premio di consolazione regalano una disabilità permanente importante. Tutto questo nel 2014 non è concepibile; senza se e senza ma, che risulterebbero davvero superflui. Ognuno di noi mette la propria vita nelle mani della Sanità, ogni giorno, da quando siamo nella pancia della mamma a quando siamo anziani. La vita in sè è già piena di imprevisti che purtroppo non dipendono dalla nostra volontà, i cosiddetti agenti esterni non gestibili, ma almeno per la salute non vorremmo che qualcuno ce la danneggi, escludendo ovviamente i casi di sorte che non sono imputabili a nessuno.

Dato che da tempo giravano le voci di questa presunta correlazione, dicono sia diminuita la presenza di neonati nelle asl per le vaccinazioni; non posso dare loro torto. Il concetto, che nessuno deve dimenticare, è che trattasi di vaccino per tutelare i loro corpicini da malattie contagiose e pericolose e invece non ha fatto altro che causare un ulteriore danno alla salute; sembra una barzelleta, ma è la nuda e cruda realtà. Non dimentichiamo che l’Infanrix Hexa Sk viene iniettato per proteggere i bambini da 6 malattie: difterite, tetano, poliomelite, epatite b, haemophilus b e pertosse.

Non credo che i genitori godano nell’alimentare delle epidemie di malattie infettive per il solo capriccio. Scegliere di vaccinare il proprio figlio non credo proprio che sia come scegliere un paio di scarpe; spero che siate d’accordo con me. Nemmeno pensiamo che per forza ogni bambino, che in Italia presenta una forma di autismo, dipenda per forza dal vaccino; non siamo così supidi da non capirlo. Sento dire spesso che si parla tantissimo di autismo sottolineando che non c’è solo questa disabilità nel nostro paese. Sono d’accordo, è vero, però dopo questa sentenza è facile rispondersi da soli; non credete? I bambini vaccinati rappresentano una buona fetta della popolazione italiana, quindi fate voi i vostri conti. Quindi, queste famiglie non soffrono di protagonismo, anzi portano molto rispetto per le molteplici disabilità presenti nel territorio, ma si battono per avere risposte, si meritano delle spiegazioni, perchè non è normale il passaggio da abilità a disabilità dopo la somministrazione di un” farmaco tutela”.  A conti fatti si rischia di evidenziare un vero e proprio fallimento della Sanità italiana.

Io mi ritrovo a pensare molto e devo dire che mi soffermo per capire se la mia malattia mi è stata donata all’atto della precauzione di qualcosa di altro. Non so come reagirei e quindi, a volte, una parte di me spera che non si scopra mai che sia dipesa da un farmaco, da un vaccino o da un qualsiasi intervento farmacologico che mi è stato somministrato.

Dolorso pensare che per anni e generazioni ci abbiano avvelenato, quindi non posso altro che augurarmi che di questo precedente possano beneficiare anche altre famiglie.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

11 risposte a “Autismo e vaccini: mamme e papà d’Italia che si prendono la rivincita!

  1. Secondo me c’è più di un nesso, Spero davvero venga fatta chiarezza per tutti quei bambini, per mio nipote e per tutte le famiglie che devono affrontare ogni giorno questo dolore.

  2. GRAZIE Lena!
    Finalmente qualcuno che difende i genitori che decidono di non vaccinare i propri figli appena nati.
    Io ho dovuto sostenere una dura lotta contro pressioni psicologiche della famiglia di mio marito e della pediatra, che addirittura mi ha detto che se poi i miei figli si fossero ammalati sarebbe stata colpa mia, e ha appeso un cartello allo studio dove c’è scritto che la più grande scoperta dell’uomo, dopo la ruota, è il vaccino. …. penso che ora stamperò il tuo articolo e glielo spedirò.. chissà che non decida di appendere anche questo…

  3. cara Lena, grazie per il tuo articolo! Grazie per tutto quello che fai per far sentire il grido silenzioso di molte famiglie che si trovano DA SOLE a dover affrontare tutti i problemi connessi alle disabilità sofferte da persone care. Se ben ricordi sono la mamma di un bimbo autistico, anche lui è stato vaccinato con il vaccino Infanrix e anche lui , alcuni mesi dopo la somministrazione , dopo un accrescimento normale, si è lasciato andare nel suo mondo fantastico, lasciando noi genitori nel più profondo sconforto. Aveva circa tre anni quando si sono verificati i primi segnali di chiusura e, dopo l’accettazione della sua disabilità , e un continuo viavai dai professionisti neuropschiatri infantili, e tutti la stessa solfa: ” POCHI MINUTI DI OSSERVAZIONE, UNA PARCELLA SALATA ED UNA RELAZIONE CHE DICE TUTTO E NON DICE NIENTE” ovvero dice che mio figlio ha una disabilità ma non ci dice a che cosa andrà incontro” !!!! Io lo so , ma non volgio accettarlo! Vedere il mio splendido bambino, essere diverso dagli altri mi trafigge il cuore! E’ ingenuo, appassionato/ ossessionato dai suoi argomenti, è dolce , sensibile, ma così vulnerabile in questo mondo che non è per niente preparato ad accettare le diversità! Cara Lena, in una radio nazionale, in questi giorni , hanno parlato dell nesso causalevaccini/autismo ed hanno intervistato un professore , un luminare del settore, il quale ha detto che i VACCINI SONO SICURI E CHE I GENITORI SBAGLIANO A NON VACCINARE I BAMBINI! Caro professore vorrei sapere se i tuoi figli sono vaccinati? avrei voluto chiederglielo! Ho inviato sms per intervenire ma non mi hanno chiamato! certamente l’intervista era pilotata! Dopo pochi giorni la notizia che molti anziani stanno morendo per la somministrazione del vaccino antinfluenzale ! VERGOGNATEVI! SPECULARE SULLA SALUTE PUBBLICA! IMPEDENDO A DEGLI IGNARI E INNOCENTI BAMBINI DI GODERE DI UNA VITA NORMALE! NON SO COSA DAREI PER VEDER MIO FIGLIO GUARITO MA MI DEVO SOLO RASSEGNARE:LO STATO NON CI AIUTA E NON VUOLE INTERESSARSI ALLE DISABILITà .RITENUTE TROPPO SCOMODE CON POCO TORNACONTO E POCHI VOTI !Cara Lena abbi la forza e la pazienza di far sempre sentire la tua voce sperando che possa risvegliare le coscienze sporche !

  4. Buonasera. Commentare ciò che non conosci (fortunatamente) è stupido quindi porto solo la mia esperienza. 4 figli, tutti vaccinati anche utilizzando quelli opzionali.A questo punto mi è andata bene ma posso fare una domanda stupida che NON vuole essere provocatoria: quanti bambini muoiono nel terzo mondo per malattie “banali”. Certo, esiste la fame e il farmaco “sostitutivo e non necessariamente preventivo”.Tante morti e sofferenze che non ho titolo di commentare. Mi pare di essere offensivo quanto penso al fatto delle probabilità, però, purtroppo, i numeri darebbero ragione a chi vaccina i figli anche se, magari, inutilmente.Mio nipote è asmatico dalla nascita. un bambino non vaccinato, gli ha attaccato la pertosse. E’ stato in rianimazione non so’ quanto tempo. E’ andata bene anche lì.mah..sbagliato obbligare..ma nel caso di mio nipote, uno dei tanti “banali”?buone cose a tutti.

  5. Cara Luisa, mi hai toccato nel profondo. E ti abbraccio virtualmente. Da genitore riesco solo a immaginare cosa provi. Noi abbiamo effettuato solo la prima dose di esavalente al nostro primo bimbo e a distanza di pochi giorni si è riempito di dermatite. Da li è partito tutto. Ho iniziato a leggere ed ad informarmi perchè è questo quello che manca: informazione chiara e sincera non pilotata da interessi economici. Ovviamente il nostro percorso vaccinale è terminato li con tutta l’ansia e le paure che ne susseguono ma convinti di aver fatto la scelta giusta.
    In che mondo viviamo? Gli esseri umani e i piccoli in primis dovrebbero essere tutelati da ogni cosa e lo stato dovrebbe aiutarci in questo, invece ci si trova a remare in un oceano con una piccola barca a remi…

  6. Buonasera.
    Sono padre di due figli. Una ragazza di ventisei anni e un bambino di nove. Seguendo i consigli del medico curante ho vaccinato la prima, senza mai indagare su cosa le venisse somministrato e devo ammettere che, mia figlia soffre di disturbi, tutto sommato non gravi quali, intolleranza al lattosio e spesso è colpita da persistenti intolleranze agli odori. Tutto questo accompagnato da un rigonfiamento sotto gli occhi. Per questi motivi, mi sono rivolto a più di uno specialista e sono rimasto sorpreso per la risposta ricevuta. Alla fine degli anni ottanta, un vaccino che veniva regolarmente somministrato ai bimbi, procurava un intolleranza al lattosio e nei casi più gravi, si diventava intolleranti al glutine. Ora mi spiego perchè ci siano così tanti ragazzi celiaci. Spesso questo vaccino portava all’intolleranza agli odori e quello che è successo a mia figlia, credo proprio che, ne sia la prova. Fortunatamente sono problemi che si possono superare con un minimo di attenzione. Sicuramente le cose peggiori, sono altre. Dopo oltre quindici anni è nato mio figlio. Dopo l’esperienza con mia figlia, le attenzioni verso il vaccino che mio figlio doveva fare, si sono moltiplicate e nel 2006, prima si sottoporre il bimbo al vaccino trivalente, mi sono informato da vari medici, tra cui, mio cognato geriatra. Dopo varie settimane di ricerca e riscontri di vari medici, sono giunto alla conclusione che, il vaccino trivalente, in alcuni casi ha portato delle conseguenze drammatiche. Dopo mesi che il vaccino è stato somministrato, in alcuni bimbi, si è riscontrata una spasticità cronica. In pratica rovinati a vita. E in molti casi, i genitori, non hanno nemmeno sporto denuncia al Ministero della Sanità. Perchè questo folle comportamento ? senza aver fatto la trivalente a mio figlio, fortunatamente oggi è un bambino sano e senza i problemi di sua sorella maggiore. Mi permetto di dare un consiglio a tutti i genitori che, si apprestano a vaccinare i propri figli. Informatevi e ancora informatevi, su quello che deve essere somministrato ai vostri figli. Parlate con i medici e se avete anche il minimo dubbio, evitate spiacevoli conseguenze. Nessuno tutela i nostri figli. Siamo solo cavie da laboratorio. Vorrei aggiungere ancora una cosa e chiedo scusa per il protrarsi del mio commento. Siamo sicuri che, tutte quelle famiglie colpite da questa negligenza dello Stato, saranno risarcite adeguatamente ? e per quanto tempo ?
    Cordialmente.

  7. CarA Eli grazie infinite del tuo abbraccio virtuale! Ne ho davvero bisogno , e non solo di quello! Ogni giorno mi devo armare, devo indossare la mia corazza, per l’amore infinito che provo per il mio cucciolo! Per i suoi diritti! Devi sapere che il mio amore ha quasi dieci anni e comincia a chiedersi perchè non viene invitato a casa dei suoi amichetti, perchè loro non lo chiamano mai ! Che strazio per me che ogni volta devo inventarmi scuse bugiarde per attenuare la sua emarginazione! é un bimbo bellissimo sai! Tutti i bimbi sono belli, ma gli angeli che soffrono lo sono di più! Attenta ai vaccini. Non li voglio demonizzare , ma troppi vaccini in uno vengono inoculati in corpicini che non hanno sviluppato adeguate difese immunitarie . Ai miei tempi si faveca un vaccino alla volta e no tre in uno, sei in uno, dieci in uno! Ma vogliamo smetterla! stiamo distruggengo il nostro futuro! PERCHè SE NON CISONO DANNI A BREVE TERMINE VI SONO ANCHE QUELLI A LUNGO TERMINE! QUINDI NESSUN BAMBINO E’ AL RIPARO! VEDASI ANCHE QUELLO CHE è SUCCESSO ALLA NOSTRA LENA! PERCHè SONO SICURA CHE QUESTE MALATTIE DEGENERATIVE SIANO CORRELATE ALLE SCHIFEZZE INOCULATE NEI NOSTRI CORPI! OLTRE ALL’INQUINAMENTO AMBIENTALE CHE CI CIRCONDA! VORREI CHE OGNUNO DI NOIAVESSE CONSAPEVOLEZZA CHE NESSUNO E’ AL RIPARO! QUINDI MARIO 2 TU SEI FORTUNATO ! MA NON ABBASSARE MAI LA GUARDIA! NON DICO CHE NON BISOGNA VACCINARSI: BISOGNA FARLO CON VACCINI SICURI CHE NON PRESENTINO UN BUGIARDINO ( CHISSà PERCHè LO CHIAMANO COSI?) CHE METTE I BRIVIDI SOLO A LEGGERLO! LO STATO DEVE TUTELARE I SUOI FIGLI E NON FARE GLI INTERESSI DELLE PLURI MILIARDARIE CASE FARMACEUTICHE ! Cara ELI , il mio bimbo non è il solo ad essere emarginato ! conosco altri bambini come mio figlio le cui mamme dicono tutte la stessa cosa! E NON E’ GIUSTO! FINO A QUANDO RIUSCIRO’ A RACCONTARE BUGIE A MIO FIGLIO? SIGNORE MIO DAMMI LA FORZA E DONALA A TUTTI COLORO CHE SOFFRONO NELLO SPIRITO E NEL CORPO! SEMPRE!

  8. Caro Marco anche il mio bambino , dopo il vaccino trivalente si è piano piano chiuso nel suo mondo . Quando glielo abbiamo somministrato aveva due anni e sette mesi, dopo pochi giorni , ha cominciato a non dormire la notte, si agitava in modo irrefrenabile, sudava di notte come se stesse in una sauna, anche se in pieno inverno con i termosifoni spenti in casa! Solo ricordare questi eventi che poi , ora, riesco a collegare a quella maledetta somministrazione, sento un groppo alla gola ! Ormai non ho più lacrime ! per non dire quello che il mio piccolo ha dovuto subire e subisce ancora, a Scuola! Dovete sapere che il mio piccolo , sin dalla scuola dell’Infanzia è stato lasciato a se stesso ! Non è stato scolarizzato! e addirittura quando è andato in prima elementare me lo hanno picchiato ed è tornato a casa con la maglietta celeste sporca di sangue! INUTILE CHIEDERE AL MIO BAMBINO COSA ERA SUCCESSO! NON MI AVREBBE MAI RISPOSTO ! LUI VIVE NEL SUO MONDO FANTASTICO! HO PRESENTATO UN ESPOSTO CONTRO LA SCUOLA, MA IL MAGISTRATO CHE LO HA RICEVUTO HA BEN PENSATO DI ARCHIVIARE TUTTO!QUESTA è L’ITALIA! NEMMENO CHI HA IL DOVERE DI DIFENDERE UN BAMBINO NON LO FA E ARCHIVIA TUTTO. AVREI POTUTO OPPORMI MA NON SONO STATA AVVISATA. COLPAMIA.NON AVEVO SCRITTO DI ESSERE AVVISATA! QUESTA E’ LA LEGGE ITALIANA! MI SONO ARRESA! MA NON MI ARRENDERO’ MAI CON IL MIO CUCCIOLO , CHE OGGI, GRAZIE AD UN TRASFERIMENTO IN ALTRA REGIONE( CON I SUOI COSTI ) GRAZIE ALLA SUA MAMMA E AD ALCUNE INSEGNANTI PROFESSIONALI , OGGI RIESCE A LEGGERE, SCRIVERE, SPIEGARE CIò CHE LEGGE, INTERESSARSI AI SUOI ARGOMENTI PREFERITI! PERO’ GLI MANCANO I SUOI AMICI QUANDO NON è CON LORO A SCUOLA! E PURTROPPO SU QUESTO POSSO AIUTARLO POCO E NIENTE! HO INVITATO A CASA I SUOI AMICHETTI , HO CHIESTO DI INVITARE LUI A CASA LORO, MA POCHISSIMI HANNO RISPOSTO ALLA MIA RICHIESTA! cari amici potrei scrivere un libro, ma provo tanto dolore ogni volta, ma mi rendo conto che bisogna comunicare, bisogna informarsi ( quello che non ho fatto io, maledetto quel giorno!) e bisogna difendere il NOSTRO FUTURO!COME HANNO FATTO ALCUNI LETTORI DI QUESTA RUBRICA!

  9. @luisa: primo a scriverlo. Il problema è non essere liberi di scegliere.Mi sono doocumentato un po’. Non esiste un farmaco, dico 1, che non abbia controindicazioni. Puoi prendere la Tachipirina e diventare epilettico! quindi cadiamo sempre lì..la libertà di scegliere ma anche quella di non essere lesi da scelte altrui. capisco il Vs.punto di vista e credo che sia il timore di tutti i genitori..se poi compare la febbre..sarà il vaccino..oddio!!..no, sono i dentini! Cioè, non lo sai, non lo puoi sapere.Ho scoperto di essere allegico al fieno a 8 anni facendo la lotta in un fienile con un mio amico che ha una fattoria. Io vivo in mezzo al cemento..non lo sapevo.E’ tremendo cos’è accaduto e cosa accadrà ancora ma, se un bambino non vaccinato, magari extracomunitario, (non è razzismo attenzione), infettasse con che sò, la Polio, un’ altro, non si griderebbe ugualmente allo scandalo? Temo che, qui, lo Stato, c’entri poco..purtroppo temo che centri molto di più la sf..a. Per tutto il resto che hai scritto..lo sai che le mamme degli ignoranti sono sempre incinta! non lo puoi sapere ma ne sò qualcosa personalmente circa l’emarginazione ed i pre-concetti nonche i giochi politiici pro”sanità” corrotta..mi hanno rovinato alla nascita ma nessuno ha saputo-visto niente..solo sf..a!

  10. Buonasera.
    Cara Sig.ra Luisa,
    il problema avuto con i miei figli, non è nulla in confronto a quello che è capitato al suo. La cosa che, certamente le fa onore è il fatto che non abbia mai smesso di lottare. Purtroppo lo Stato, fa finta di nulla e spesso considera INVISIBILI le persone colpite dalla negligenza dello stesso. Le priorità per gli uomini di governo, sono altre. La cosa importante è che, noi genitori, stiamo più che attenti quando ci troviamo in strane situazioni. E questo lo dobbiamo fare, a costo della nostra vita. I nostri figli, sono il futuro di questa sporca vita e saranno loro a cambiare le cose. Ho 56 anni e devo essere sincero. La nostra generazione ha fallito, sotto tutti i punti di vista e sopratutto nei confronti della disabilità. Spero che i nostri figli, riescano a cambiare, questo insano atteggiamento.
    Auguro a lei e sopratutto a suo figlio, di passare un felice Natale.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *