Ciao Ciao Mastrapasqua! Niente grazie da parte mia!

Tra noi numerosi disabili molti non hanno, normalmente, un granchè da festeggiare ma le Sue dimissioni ci rendono, almeno in parte, giustizia e quindi sabato 1° febbraio 2014 rimarrà impresso nella nostra mente come il giorno della rivincita.

Parliamo di fatti concreti, cioè cosa Mastrapasqua non ha mai fatto per tutti noi invalidi civili e di occasioni nella Sua posizione ne ha avute tante però, con estrema velocità, se Le è fatte sfuggire. Con quali spiegazioni? Io non le ho sentite però se me le sono perse aspetto che qualcuno me le faccia notare.

Sono rimasta scioccata dai ringraziamenti che il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giovannini gli ha rivolto, per il lavoro svolto in questi anni, per il rinnovamento dell’Inps e il complesso processo di riorganizzazione dell’Ente derivante dall’incorporazione dell’Inpdap e dell’Enpals. Mi aspettavo di tutto ma non un grazie. Io sinceramente al termine “ringraziamenti” do un valore preciso e soprattutto importante; ci vuole del merito per riceverli.

Mi sento in dovere di enunciare almeno due motivi per i quali non posso assolutamente dire grazie al Dott. Mastrapasqua. Non Vi sembra che forse dovrebbe essere Mastrapasqua a ringraziarci per avere sopportato tanto, nei 4 anni in cui ha ricoperto la carica di Presidente? Attenzione al prossimo che lo sostituirà, che se presenterà solo un dubbio di moralità sarà nostro interesse e premura farlo notare per ridurne al minimo l’impiego; al massimo 2 anni e via a mai più, altro giro altra corsa.

Vi chiedo un po’ di pazienza perchè devo documentare ciò che vado a scrivere, quindi mi serve fare una introduzione; a darmi una mano è lo stesso Mastrapasqua con le Sue affermazioni.Era ottobre 2013, convegno Reatech, fiera sulle tematiche della disabilità, a Milano, dove Mastrapasqua ha fatto un intervento per fare alcune puntualizzazioni. Chiedeva scusa per il disturbo che hanno causato durante i controlli per scovare i falsi invalidi. Ecco le sue parole:“Ho ritenuto doveroso fare una battaglia per sconfiggere chi usufruiva di un sostegno senza averne diritto; anche nell’interesse di chi disabile lo è davvero. Nel 2009 c’era un incremento annuo delle spesa per gli invadili civili di 1,5 miliardi di euro e l’82% degli invalidi era concentrato in quattro regioni del meridione. L’opinione comune fino ad allora era che il mondo dei disabili fosse un mondo di furbi. Ora nessuno può più dire questo e penso che sia un vantaggio per tutti”.

Fermiamoci un attimo a riflettere perchè avrei qualcosa da dire. Il punto cruciale? Le Sue scuse. Perchè? Ad oggi non ho visto i cambiamenti derivanti da questi controlli, i falsi invalidi restano e persistono e questo lo provano i numerosi servizi nei Tg e nelle trasmissioni tv. Vedo solo un vero danno ai veri invalidi. La cosa grave nessun cambiamento e quindi posso ritere che, le scuse che rasentano l’ipocrisia e la falsità,  sono scuse di circostanza ma assolutamente non accettabili, perchè l’unica verità è che tutto il fastidio arrecato non è valso a nulla.

Vediamo qualche dato in Italia abbiamo 2 milioni e 200 mila invalidi civili. Controlli straordinari periodo 2009-2012 sono stati 800 mila per il 2013-2015 previsti 450 mila (e vai altre commissioni da pagare; ma il gioco varrà la candela?).

Si tratta di casi detti rivedibili, niente di straordinario, ma semplicemente spacciati per controlli straordinari; i cosiddetti controlli di revoca. E poi le cosiddette persone con patologie che non hanno possibilità di miglioramento. E poi tutti i soldi spesi? Non credo che ne sia valsa la pena dato che in tanti hanno fatto ricorso per ingiuste sospensioni di pensioni di invalidità. L’Inps ha speso molto per nulla. E adesso cosa succederà di nuovo? Niente! Per l’ennesima volta verranno chiamati e quindi più volte sempre i soliti, le stesse persone, quelle che dovrebbero essere comunque chiamate perchè con patologie dichiarate e segnalate sui verbali come rivedibili; quindi spacciare questi controlli per straordinari quando invece sono i cosiddetti di revoca (revoca della invalidità), con l’aggiunta anche dei non rivedibili. E poi bisogna solo sperare che almeno una cosa l’abbiano capita; occorre rispettare le regole, ciò che è scritto sui verbali: non rivedibile significa che la patologia che ci rende invalidi non può scomparire e allora se già stata accertata è da incoerenti e irrespettosi, per non dire incapaci, non seguire gli iter alla lettera.

Non è bellissimo a volte parlare di se stessi perchè si potrebbe sembrare di parte ma, in questo caso è la causa a chiedermelo, con la presenza di una buona ragione per esserlo. Io, infatti, avrei qualche motivo “valido” per non essere grata all’Ex-Presidente Inps, che mi sembra giusto donare proprio a Lui tali motivi, come regalo per le Sue dimissioni.

Ecco come ho vissuto i famosi controlli straordinari. Ricevo raccomandata Inps con richieste e spiegazioni di tali richieste. Controlli di tipo straordinario. Allegato un elenco di quelle patologie che non sono richiamabili, come da verbale, neanche in caso di straordinarietà di eventi. Io ovviamente invalida con patologia, come da verbale, non rivedibile quindi penso subito “ce l’ho” e quindi non riguarda me. Invece ecco la prima illusione: devo inviare via fax tutta la documentazione in mio possesso, senza che mi venga specificato ciò che serve a loro concretamente e se questa non verrà ritenuta esauriente sarei stata chiamata a visita. Tutto tace e penso tutto bene. Poi seconda illusione: nuova raccomandata ancora per inviare documentazione via fax. Alla fine terza raccomandata per invitarmi a visita presso la sede Inps Pavia. Quante volte sbeffeggiata! Ma a quanto pare va bene così. Sinceramente pensavo avessero già tutti i miei documenti visto che mi avevano già vista e sentita e letta per assegnarmi l’invalidità.

16 dicembre, nevicava, un freddo allucinante ed eccomi arrivare all’Inps per visita “prevista” alle 13.30. Entro nella sala di attesa e mi accorgo subito che fa un freddo diavolo, che c’è una stufetta elettrica in mezzo alla stanza quindi dicono riscaldamento guasto, ma ovviamente l’avevo capito da sola. Non ero sola, c’erano altri invalidi e altri ne sono arrivati ancora. Comunicano a tutti che la commissione era in ritardo di più di una ora, quindi costretta ad armarmi di piazienza. Lì dentro nella attesa si fa conoscenza, ci si scambiano le esperienze e prima si riflette e poi ci si arrabbia. Ti guardi intorno e capisci che sono tutti invalidi con patologie che non possono regredire e migliorare. Me li ricorderò sempre: una ragazza affetta da nanismo con il papà e due genitori con una figlia con spasticità. Ma Mastrapasqua come possono ritenerli rivedibili? E’ davvero una presa in giro; da malati a ridicolizzati fino alla fine.

Quei genitori sono stati fantastici, mi sono commossa per la loro umiltà quando hanno chiesto come mai, nonostante avessero mandato la documentazione via fax, si trovassero lì e per giunta puntualizzando che hanno 2 figlie con la stessa patologia eppure sono state chiamate in giorni differenti. Da vero urlo la risposta che hanno ricevuto: i fax non li avevano neanche letti, sono troppi e il perchè siano state chiamate separatamente non è stato fornito.

Entrata alle 14.30 e colmo dei colmi nella stanza della commissione faceva un bellissimo caldo. Sarà… i casi della vita! Lì mi sono permessa di chiedere preoccupata come mai mi avessero chiamata a visita e mi hanno risposto perchè la commisione Inps non mi aveva ancora vista, ma solo quella Asl. Il mio fidanzato che mi accompagnava ha fatto notare loro che nel verbale c’era un timbro Inps ma… a cosa serviva? Ormai ero lì. Ancora adesso non so perchè io quel giorno mi trovassi lì. Caro Mastrapasqua e Ministro Giovannini, l’unica cosa che ho capito è che purtroppo stiamo dalla parte sbagliata della barricata e almeno una cosa ce la dovete consentire: niente grazie a persone come Voi.

I miei diritti di invalido l’Inps li ha violati più volte e i danni morali a me chi li rimborsa? Inps sempre in debito con me e con tutti noi invalidi.

Poi, sempre per Reatech Mastrapasqua ha dichiarato.” Finita la fase dei controlli è necessario passare alla fase due, quella positiva. Perché l’invalido prende solo 270 euro al mese? Oggi dobbiamo risolvere questo problema e lo possiamo fare proprio perché abbiamo fatto chiarezza su chi ha diritto a un sostegno e chi invece truffava la collettività. Alla politica dobbiamo insieme chiedere di rivedere il meccanismo dei sostegni, in modo tale da dare un reale contributo alle persone e non più solo 270 euro. Oggi ci sono competenze distribuite tra vari enti, dall’Inps alle Asl ai comuni. La mia proposta è che sia tutto accentrato in un unico soggetto, che si assume anche la responsabilità dell’efficacia del servizio che rende”.

Tutti starete dicendo:”Caspita che belle parole!” Ma mi dispiace deludere me e Voi dicendo che sono rimaste solo belle parole, immortalate negli articoli riguardanti l’evento Reatech, tanto importante per i disabili, e che non si sono tramutate in fatti concreti. Nel 2013-2015 non sono stati fissati nuovi controlli? Sommata alle scuse, c’è questa ennesima presa in giro.

Veniamo ad oggi. Il governo in una nota cita che ha deciso di accelerare il processo di ridisegno della governance dell’Inps e dell’Inail e ha approvato un disegno di legge per disciplinare l’incompatibilità per tutte le posizioni di vertice degli enti pubblici nazionali, prevedendo, per quelli di particolare rilevanza, un regime di esclusività volta a prevenire situazioni di conflitto d’interesse.

Mi raccomando ora massimo impegno per scegliere il nuovo presidente e soprattutto occhio a chi siede bello tranquillo come lo era Mastrapasqua; se ci sono i giusti presupposti è il momento di far saltare i coperchi di tante pentole, anzi pentoloni dove dentro potremmo trovare a cottura tante facce di nostra conoscenza. In Italia sanno tutti che ce ne sono tanti come Lui quindi a buon intenditor poche parole o chi vuol intendere intenda.

Certo non gli si può non dare il merito di essere un grande stratega, perchè è di questo che si tratta quando una persona è così abile a destreggiarsi in tutte quelle cariche, senza poi dimenticare le azioni compiute per cui è indagato: pura strategia. Scandalo troppo grande anche per Lui, che gli è scoppiato tra le mani e non può fare altro che mollare la presa. Forse nella sua mente ha pensato bene di ammettere che non ce la può fare a gestire questa esplosione di proporzioni devastanti.

Ecco l’ennesimo grosso scandalo alla italiana. Io come tanti altri stiamo aspettando delle risposte in merito a fatti e considerazioni riportati nel mio articolo quindi se Mastrapasqua o il Ministro Giovannini volessero darcele metto a disposizione il mio blog.

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

17 risposte a “Ciao Ciao Mastrapasqua! Niente grazie da parte mia!

  1. Buonasera.
    Carissima Lena, un grazie di cuore per le tue affermazioni. Questo è senza dubbio il giorno della tua e
    della nostra rivincita, la parte di popolo che deve sempre e solo, digerire le umiliazioni. Questo è solo
    l’inizio, dovremo trovare il sistema per arrivare alla vittoria finale. Dubito molto che personaggi del genere, proveranno a giustificarsi, scrivendo sul tuo blog. Una volta tanto, sono stati colpiti nella cosa
    che amano di più, il potere e i soldi. Temo purtroppo che Mastrapasqua verrà reinserito in qualche altra struttura pubblica e con l’aiuto di qualche politico corrotto, continuerà a fare danni. Ma la cosa che più importa è il fatto che, abbiano accusato il colpo. Essendo l’Inps una struttura pubblica, la cosa
    che mi piacerebbe fare è semplice, presentarci il giorno dell’eventuale processo a suo carico, come parte civile lesa e chiedere eventuali danni che, ovviamente andranno in beneficenza. Mi piacerebbe
    sapere cosa ne pensi a proposito. Penso che, la cosa non passerebbe di certo inosservata e per le tv
    e i giornali, sarebbe manna dal cielo. Sono più che sicuro che, salterebbero fuori nomi eccellenti della
    politica e della pubblica amministrazione. Cara Lena, dirai che stò volando troppo in alto e forse è vero
    ma, la soddisfazione che proverei a vedere questa gentaglia, pagare per i danni commessi è troppo
    forte. Sono sicuro di attirarmi molte antipatie, per quello che stò dicendo ma, per molto meno e senza
    avere toccato i soldi pubblici, un politico Italiano, stà pagando e pagherà molto di più. E questa, aimè
    non è giustizia. Si chiama oppressione. Scusa se sono uscito dal discorso iniziale, il mio voleva solo
    essere un appunto. Un abbraccio a tutti.
    Cordialmente.

  2. @MARCO: preferisco nn commentare la tua risposta alle mie osservazioni. Come più volte ribadito non ritengo, questo blog, quello più idoneo ma una cosa è certa…non potrai mai dirmi come firmarmi e per quanto concerne l’amore per la patria, il sangue speso, che le cose mi vadano bene così o meno, che mi debba documentare sui libri di storia, accetto volentieri i tuoi autorevoli consigli xkè dati da una persona che ne sà. X MAS dal 10/03/41 10à FLOTTIGLIA MAS -affiancata GRUPPO GAMMA.
    N.B.ake se non mi ritengo” caro ” (come mi apostrofi), il tuo commento, in questo caso Mastrapasqua, è degno di nota.

  3. Buongiorno.
    Se qualcuno di voi, ha visto ieri sera Quinta Colonna, avrà certamente capito cosa significa essere a
    capo di un sistema, corrotto e menefreghista. La moglie di Mastrapasqua, per non essere da meno
    del marito, ricopre più di 25 incarichi istituzionali. Semplicemente assurdo, in 2 persone ricoprono
    più di 50 incarichi e non di poco conto. Rai, Aci, Agenzia delle Entrate, aziende private e pubbliche,
    ecc. La mia curiosità mi spinge inevitabilmente, a una semplice domanda, come è possibile che 2
    persone gestiscano così tante aziende ? dove trovano il tempo materiale per i loro impegni ? ma, la
    cosa che più mi incuriosisce è semplicemente una. Quante possono essere le entrate finanziarie per
    così tanti impegni ? Quinta Colonna ha fatto un sondaggio e risulta che Mastrapasqua per l’incarico
    alla sola presidenza dell’Inps, percepisca uno stipendio di 700,000 € annui. L’anno scorso la sua
    dichiarazione dei redditi è stata di poco superiore al milione di € e certamente la cosa, mi sembra
    poco credibile. Vorrebbe dire che, le altre 20-25 aziende che controlla il dott. Mastrapasqua, lo pagano
    poco di più di un operaio specializzato. Scusate ma, sembra una cosa molto strana. Ovviamente
    controllando anche l’Agenzia delle Entrate, avrà la possibilità di evadere molto più facilmente, senza
    avere controlli da parte della stessa. Non dimentichiamoci del fatturato della moglie. Con tutta la mole
    di denaro che, entra in quella casa, sono veramente dispiaciuto per loro e vorrei aiutarli a spendere
    un po’ di soldi. Avete capito bene !! con tutti gli incarichi sulle loro spalle, dove troveranno il tempo
    per godersi i meritati stipendi. Ci vuole qualcuno che gli aiuti. Diamogli una mano !! Scherzi a parte, ci
    vuole un bel coraggio. Togliere la vita e la dignità a persone deboli e indifese e alla faccia di queste
    persone, navigare giornalmente nell’oro. Queste sono le cose che, fanno male a una Nazione.
    Cordialmente.

  4. I ringraziamenti del ministro sono di circostanza.Fanno parte della prassi nella repubblica fondata sull’ipocrisia.”..stiamo dalla parte sbagliata della barricata..”E’ vero e dalla parte giusta qualcuno si sente al sicuro ma si sbaglia perchè alla fine si diventa tutti disabili e le barricate scompaiono.

  5. Vedi lena che quello di mastropasqua è solo un pesciolino tolto da una vasca di piranha che siedono su quelle poltrone ove i loro deretani sono talmente inchiodati che non si capisce iniziano loro e finoscano le poltrone.La colpa di tutto siamo noi cittadini che guardiamo solo il nostro orticello e poi…………………….chi se ne frega!,ed è lìì che si sbaglia!.Ora io con i miei 270 euro al mese non ci stò più dentro e la rabbia sale sale,chiedendo aiuto al mio comune mi è stato detto che avendo la casa di proprietà sono ricco!……………………………..e allora che devo fare? vendere casa e farla finita?,quando ci sono personaggi con tre case e gli danno i pasti gratis perché nel comune risultano poveri!.

  6. Tù lena dici ciao ciao mastrapasqua…………………………………….ma lui ti dirà:ciao ciao che soldi ho fatto pure sulle tue spalle!,questa è l’italia .

  7. Buonasera.
    @ Mario 2
    Voglio ribadire il concetto, mi hai accusato di prendermela con la sinistra e vorrei tanto che tu mi trovassi una frase, detta da me, contro la sinistra stessa. Hai detto che faccio sembrare tutti i
    nostalgici degli estremisti. E’ palese che, non conosci il significato di quella parola. Ogni forma di
    dittatura è formata da estremisti, si chiamano così, perché stanno all’estremità di un sistema politico
    che non condividono e cercano in tutti i modi di debellare. Se hai pensato di offendermi dandomi
    dell’estremista, hai sbagliato di grosso. Sono un estremista e ne vado fiero. Preferisco esserlo che,
    sottostare a una finta e ingannevole democrazia, che non rispetta le minime priorità di un popolo e
    toglie i diritti a persone che, non possono difendersi, togliendole loro anche la dignità. Nonostante le
    mie idee, sarò sempre vicino alle persone disabili. La cosa importante è che abbiano il Tricolore nel
    loro dna. Difenderò fino alla morte, i confini del mio adorato Paese.
    W l’Italia.
    Cordialmente.

  8. @Marco: mai cercato di offenderti. Se così ti è parso, mi scuso.
    sulle tue precisazioni, torno a dire, non accetto e partecipo a polemiche su di un blog dedicato ai disabili.
    Bello e realistico il tuo commnto.
    X accontentarti…GRUPPO GAMMA.

  9. Signori miei non litighiamo tra di noi perché sento già le risate di politici che leggono ogni tanto questo blog e sia chiaro che voi tutti avete come mè un solo obbiettivo,e dunque la cosa migliore è l’unione di intenti contro questi esseri spaziali che siedono al governo ove nessuno credo abbia votato…………………………….morale:siamo uomini e non caporali ahhahahahahaha.

  10. Buongiorno.
    @ Mario 2
    Mi era parso che, mi davi dell’estremista, disprezzando la mia idea. Questa volta sono io che ti devo chiedere scusa, ho frainteso il tuo pensiero. Purtroppo l’esperienza personale che ho avuto con mio
    padre, malato di Alzaimer per ben diciassette anni, mi ha fatto capire una cosa sola. La disabilità non
    viene presa in considerazione dal nostro sistema politico e questo non lo sopporto. Questo sistema che, rende invisibili i disabili, deve essere sconfitto, anche con la forza. L’ipocrisia e il buonismo che
    regna incontrastato nel nostro Paese è reale. Raccogliamo fondi per la fame nel mondo, per i senza
    tetto che vivono dall’altra parte del globo, ecc. e lasciamo i disabili Italiani a vivere con seicento euro
    al mese. Ma in che mondo viviamo ? non sono contrario ad aiutare il prossimo, ma prima
    viene il mio Paese, cioè l’Italia. Vedere persone Italiane che, rovistano nei cassonetti dello sporco è
    desolante e allo stesso tempo, il mio odio verso i vermi che, hanno ridotto questo Paese a una vera
    fogna, aumenta sempre di più. La cosa più demenziale è il fatto che molte persone, difendano questi
    parassiti e li vadano a votare. Datemi pure dell’estremista, sono orgoglioso di esserlo e fino a quando
    avrò forza, lotterò per salvaguardare la mia Patria. E se dovrò morire, morirò per una sacrosanta causa. Un saluto a tutti.
    W l’Italia.
    Cordialmente.

  11. @GIANFRANCO: hai perfettamente ragione ma cn la discriminante che non si litiga ma, bensì, si disquisisce. Poi, se Marco male interpreta, mi dà palesemente dell’ignorante (nel vero senso della parola- dizionario COLUI CHE IGNORA, ) senza considerare che nn sà nulla di me ed accetta le mie scuse ake se non dovute, ben contento dal continuare a parlare in caso contrario, se estremista non porta a relativa connotazione o denotazione(la insegnano alle elementari ma io , a quanto pare, nn ho fatto nemmeno quelle) ben venga che torni ad astenermi dal commentare. Ho di meglio da fare xkè, anzichè parlare, meglio fare volontariato.. xkè, diciamocelo francamente, sn sfoghi che nn portano a niente xkè , credo ke, 1 parlamentare che è 1, sappia che esiste questo blog e, se lo conosce, cm l’AIDS, lo evita ake sl x vergogna. Solo se TGCOM evidenzia l’articolo di Lena, trovi, forse, qualcuno che fà finta di averti in nota.Cmq., ake il tuo, buon commento con allegato, positivo, consiglio.GRUPPO GAMMA

  12. Buonasera.
    @ Mario 2
    Personalmente, non ho mai pensato minimamente di litigare con te e mi piacerebbe ripartire da zero,
    ponendoti una semplice domanda. Riguardo alla tua disabilità, sei appagato dal trattamento delle
    nostre istituzioni, verso di te ? se scrivi su questo blog, posso immaginarmi la risposta. Quello che
    volevo farti capire è semplice. Sulla nostra Costituzione c’è scritto che le istituzioni hanno il dovere
    sacrosanto di far vivere le persone con problemi fisici, in modo dignitoso e allo stesso tempo, dare a
    loro, tutto l’appoggio possibile, compreso il lato economico. Ora, la stragrande maggioranza di disabili,
    vive con una pensione da fame e questa cosa la dice lunga. Questi ambigui personaggi, non rispettano
    nemmeno la Costituzione che, in un Paese civile è la prima regola da seguire. Sono d’accordo che, questo blog, sia riservato a pensieri riguardanti i disabili ma è mia convinzione che bisogna portare
    alla luce, le porcherie che, giornalmente mette in atto il nostro sistema istituzionale verso gli stessi
    disabili. E ritengo altresì giusto discutere per quello che una persona pensa. La discussione, non sarà
    mai controproducente. Dall’unione di molte idee, spesso ne nasce una buona. Caro Mario, anch’io sono stato volontario e dopo otto lunghi anni me ne sono andato, motivo ?
    certe organizzazioni di volontariato, più che volontariato, fanno affari sotto banco. E questa è un altra
    di quelle cose che, andrebbero rivisitate.
    Cordialmente.

  13. @MARCO: e via con questo “caro”..cmq, Marco, hai una doppia personalità. Oggi scrivi commenti che, come gli altri (ma cn altro stile), sono degni di nota, domani spari a zero come dice Gianfranco.
    Ennesimo buon commento il tuo. Per entrare nel merito…sì, sn soddisfatto..ho rinunciato spontaneamente alla pensione d’invalidità (90%) xkè ho un lavoro e non mi pareva onesto togliere a ki non l’ha o non lo può svolgere. Poi chiaro..sn briciole..i medicinali che funzionano li devi pagare e cari!.x la carrozzina di mia madre li ho anticipati io..chiaro..nn puoi essere soddisfatto se guardi gli stipendi di quei delinquenti al governo e di tutte le agevolazioni di cui godono che, se sl quelle, fossero messe insieme, avremmo pensioni e sovvenzioni dignitose ma siamo sempre lì..nessuno si rivolterebbe x noi, nessuno ci ascolta se nn c’è una telecamera x farsi vedere (e poi ciao ciao).Alla fine, il popolo, purtroppo sovrano (in teoria) li ha messi lì e nn li schiodi.Credi ke Mastrapasqua, finito il gossip, non riappaia?De Mita, Tabacci, Amato, & co. docet. x il volontariato..ho fatto la stessa cosa tua. Ciao.

  14. Buongiorno.
    @ Mario 2
    Se ti crea qualche problema il “caro” è presto fatto, lo eliminerò, non è un problema che mi tocchi in
    modo particolare. Per quanto riguarda la doppia personalità, ritengo azzardata la tua definizione, sono
    un uomo che non accetta e non accetterà mai l’odioso comportamento di una classe politica, fallita e
    desiderosa solamente di agire per i propri interessi. Io non sparo a zero, dico quello che penso e in
    questo preciso istante, vorrei vedere i nostri politici, con una corda al collo. Quello che voglio farti
    capire è il fatto che, se non daremo voce alle nostre proteste, resteremo per sempre degli invisibili e
    saremo sempre considerati di serie B. Criticarci a vicenda, non serve proprio a niente è solo tempo perso. Quello che conta è l’azione, intrapresa da tutti noi, uniti e decisi. Mi sono rotto le palle, di sentire le promesse di un politico in cerca di voti. Quello che devono fare è una sana autocritica e poi
    lavorare per l’esclusivo bene del Paese. Mario, prima dici di essere soddisfatto, dopo tre righe dici il
    contrario, vorrei capire. Una cosa è bianca o nera. Non accetto sfumature.
    Cordialmente.

  15. non solo e vergognoso ma anche le visite di controllo che fanno, la prima connissione, a me anno dato 80 per cento una comm,di 6 medici, dopo unaltra comm, di 2 medici sempre la stessa patologia mi anno dato il 75 per cento,io dico ma e passato padre pio e mi a guarito,perche mantenere tutti questi medici,nulla facendo, se uno e veramente malato?,e viva l’italia degli imbrogli,e noi paghiamo,e i falsi invalidi???????????????????????????????????, siete vergognosi

  16. io dico basta mantenere tutti questi papponi di medici, che ai veri invalidi dicono che stanno bene, e i sani che godono ottima salute gli danno il 100×100,dico e ora di finirla,basta,aaaaaaaaaaaaaaaa, da ancona

  17. Buonasera.
    Il problema caro Ciro non sono i medici, sono le istituzioni corrotte. Tu sicuramente non avevi un
    politico che ti potesse aiutare e di conseguenza sei considerato invisibile. Tutti i falsi invalidi, sono
    la spiegazione di tutto questo. Parassiti che rubano una pensione non dovuta a scapito di chi ne avrebbe bisogno. Perciò la prima cosa che deve combattere questo Paese è la corruzione, spesso
    garantita da un voto alle urne. Si chiamano scambi di favore, mi dai il tuo voto ed io ti regalo una
    pensione d’invalidità. Ci sono casi che, non sono nemmeno passati d’avanti a una commissione, ha
    fatto tutto il politico o il partito. E questo spiega come un finto non vedente, possa andare in giro in
    macchina o leggere il giornale. Ci sono persone che, trovate con le mani nella marmellata, si sono
    sentite orgogliose di fregare lo Stato, non sapendo o facendo finta di non saperlo che, il danno non
    lo facevano allo Stato ma a una persona, veramente disabile. Non sono un medico e ben lungi da me,
    l’idea di difenderli ma, loro sono dei burattini in mano ai burattinai. E’ l’esempio della classica catena
    di Sant’Antonio. Un giro vizioso e corrotto. Buona serata.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *